Un episodio interlocutorio che lascia spiragli aperti: quale sarà il dono di Euron a Cersei ? Riuscirà Sam a guarire Jorah e insieme giungere a Roccia del Drago ?

Si riprende

Finalmente l’attesa è finita anche per i non amanti dei sottotitoli e delle lunghe serate. L’episodio non avrà entusiasmato al massimo i più appassionati ma si sa, l’HBO tende a fare sempre un episodio “interlocutorio”. Qualcosa che serva anche a coloro che non vivono quotidianamente l’esperienza GOT. Un modo per reincontrarsi, come dei vecchi amici dopo un lungo viaggio.

GOT 7 Episodio 1

Subito ci viene messa in luce la vendetta di Arya, gelida ed implacabile con i Frey, un massacro organizzato alla perfezione. Un modo per ricordare che “Il Nord non dimentica”. Il prossimo obiettivo è ad Approdo del Re, la regina dovrà cadere e la piccola Stark farà di tutto per avere le mani insanguinate.

I 2 re del Westeros

Cersei è la seconda che ci viene presentata, più fredda degli Stark e decisa più che mai a far rispettare al mondo la propria autorità, Jaime è costretto a rimanere lì a guardare. Il maggiore dei Lannister si dimostra sempre più impassibile nei confronti della sorella, indeciso se amarla o rimanere semplicemente per il proprio dovere. Euron Greyjoy invece si dimostra la figura in ascesa. Carismatico e pazzo quanto basta, si dimostra deciso più che mai a sposare la regina e a portarle in dono qualcosa di grande, chissà cosa ci diranno le prossime puntate.

GOT 7 Episodio 1

Intanto al Nord è il momento di tirare le somme della guerra contro i Bolton. Mentre tutti i regnanti insistono per punire anche gli ex-alleati di Ramsay, Jon si conferma il leader giusto per un territorio tanto vasto e complicato. Sceglie di perdonare i Karkstark e gli Umber, dimostrando clemenza e saggezza, simbolo di un vero re. Paradossalmente sembra che proprio a Sansa vadano ricordate queste qualità. La rossa Stark appare sempre come la prima dei critici e questo alla lunga potrebbe danneggiare il nuovo Re del Nord.

Nei boschi e ad Est

Nei boschi del Nord troviamo il Mastino, impegnato con la banda di Berric Dondarrion. Il gruppo sembra ormai essere convinto della minaccia degli Estranei e si sta avviando al Nord proprio per combatterli. Il cambiamento in Sandor Clegane sembra essere completo. La paura delle fiamme è quasi svanita e la fede per il dio del fuoco si fa avanti ogni giorno. Altra novità è la compassione del Mastino, decisamente rinnovata rispetto alla prima stagione, tanto forte da spingerlo ad onorare i morti perfino in una ghiacciata notte del Nord.

GOT 7 Episodio 1

Spostandoci alla Cittadella invece ritroviamo Sam alle prese con il suo apprendistato. Seppur con mille fatiche e mortificazioni, il giovane Tarly riesce a ricavare 2 importanti informazione: dove si trova il più grande giacimento di vetro di drago e la fine di Jorah Mormont. Il primo risulta trovarsi proprio sotto Roccia del Drago, la vecchia fortezza di Stannis e dei Targaryen, ormai in rovina. L’altro invece è rinchiuso in una cella della Cittadella, in attesa di ricevere le cure per il morbo grigio e tornare così da Daenerys. Mi soffermerei un attimo sulla prima informazione, la cui importanza va spiegata, visto che potrebbe essere fondamentale per la storia. Il vetro di Drago è l’unica cosa in grado di uccidere gli Estranei, oltre al fuoco di Drago ovviamente.

La regina torna a casa

L’ultima parte della puntata si concentra invece sul trionfale ritorno in patria della regina bionda. La fortezza scelta è proprio Roccia del Drago, la prima dei Targaryen nel Westeros e la più semplice da prendere dopo la caduta di Stannis. La scena dura svariati minuti, concentrandosi sul luogo e sull’importanza dell’avvenimento. È sicuramente la parte più seriosa dell’intera puntata e la sensazione che comunica allo spettatore è un’imponenza fuori dal comune. In ogni altra serie questo è un lato positivo, un modo per comunicare allo spettatore che quel personaggio è al di sopra di tutto. GOT però non è una serie normale e ad alcuni potrebbe anche far pensar male, staremo a vedere.

GOT 7 Episodio 1

Ultima cosa da ricordare è il cameo di Ed Sheeran. Secondo qualcuno la sua canzone sarà fondamentale ma per uno spettatore medio il risultato è solo quello di una strana comparsa.

Il voto alla puntata

Ragionandoci a lungo abbiamo optato per un 7. Ottime scenografie, una ripresa come ci si aspettava da GOT, però questo deve essere un riscaldamento. Il voto reale sarebbe un 6 e mezzo scarso, ma sappiamo che l’HBO è abituata a ripartire secondo un certo stile. Siamo ora in attesa della seconda puntata.