Nessuno l’avrebbe mai detto, pensavano tutti fosse il “solito remake” e invece… It ha sorpreso tutti, diventando il fenomeno horror del secolo

Il remake di successo

it record

Doveva essere un semplice remake, un classico prodotto di uso e consumo. Qualcosa che serve solo a “rispolverare” un grande classico. Proprio per questo si è scelto di puntare su un cast modesto, fatto di giovani emergenti. Unica eccezione: Bill Skarsgård, il giovane figlio di Stellan. Non che avesse mai avuto ruoli di un certo peso, ma buon sangue non mente e la scommessa è accettata. Come regista si prende Andres Muschietti, un giovane argentino, già noto per aver diretto “La Madre”. Le carte sono giocate, ciò che è inaspettata è però la reazione del pubblico.

Gli Usa innamorati

it record

Negli Usa sbanca subito al botteghino. Questa nuova versione piace, sembra più creepy e gli effetti speciali sono usati meglio. La tecnologia ovviamente è diversa dal passato, ma l’interpretazione di Bill è la chiave di tutto. Sembra che inquieti solo dal primo sguardo, con un trucco ben fatto e movenze magnetiche, il giovane Skarsgård conquista tutti. Gli altri attori condiscono il sottofondo, ricreando un’atmosfera simile a Stranger Things 2.0 . Il film raggiunge in pochissimo tempo l’incasso di oltre 500 milioni di dollari, record assoluto per un film horror. It riesce a battere persino l’Esorcista, film che aveva stabilito il precedente record. La folla è in delirio e acclamano il miracolo. I giornalisti non sanno cosa fare, da anni ormai non si vedeva un horror con una critica tanto buona.

La prova dello Stivale

Mancano 17 giorni all’arrivo di It in Italia. La curiosità avanza, sempre più rapida, sempre più impetuosamente. Sarà davvero un capolavoro ? Riuscirà a spaventare anche il pubblico italiano ? Ma sopratutto: riuscirà a sfondare il botteghino come nel resto del mondo ? Non resta che aspettare il 19 ottobre, una giornata tanto lontana dal 31, ma tanto vicina come atmosfera. Pronti a rivedere il pagliaccio ?

it record