Dalla Spagna arriva la nuova serie targata Netflix La Casa de Papel che in tempo record conquista tutti e che si posizione in alto alle classifiche dei telefilm del momento. Maschere di Dalì, personaggi insoliti e un’eccellente narrazione si uniscono per dare corpo alla nuova serie tv rivelazione. Scopriamo insieme le chiavi del suo successo.

Trama semplice ma solida

Otto ladri si barricano nell’edificio della Zecca spagnola con alcuni ostaggi, mentre una mente criminale manipola la polizia per mettere in atto il suo piano.

casaLa trama de “La Casa di Carta” è ciò che di più semplice esista, una volta sentita sei già convinto di sapere che cosa andrai a vedere ed è qui che però ti sbagli. La serie poggia completamente sui classici delle rapine, mantenendone però solo i lati migliori e omaggiandola costantemente. Un’esempio? Il Professore ci delizierà diverse volte con il motivo de “La Stangata” suonata a pianoforte. Questa e le altre citazioni rendono la serie fruibile per tutti, eliminando il distacco che sarebbe servito al telespettatore per appassionarsi inizialmente alla storia.

Spagnolo a tutto tondo

Altra particolarità costante è un gusto tipicamente mediterraneo, meno azione e più passione, tipico della cultura spagnola. Non a caso la serie è stata trasmessa inizialmente da Antena 3, televisione iberica privata, e solo dopo Netflix ne acquisito i diritti. La serie, che pure ha un riferimento costante alle sue origini (basti pensare alle maschere di Dalì che indossano i nostri rapinatori), non sfocia però nel regionalismo, mostrandosi di ampio respiro sia per quanto riguarda la costruzione dei personaggi, sia per quanto riguarda il mero stile registico.

casaA Netflix si deve anche la suddivisione in 2 parti con la relativa divisione delle puntate. La versione originale contava infatti 15 episodi della durata di 75 minuti ciascuno, il colosso americano, però per adattarla ad un pubblico più vasto e dedito al binge-watching a deciso in trasformarla in 22 episodi della durata di 50 minuti ciascuno.

Un cast ben scelto

Ciò che però davvero nobilita questo prodotto sono i personaggi, azzeccatissimi sia per ruoli che per costruzione. Fin da subito veniamo attirati da questi ladri, tanto misteriosi quanto umani. Gli 8 sono infatti dei perfetti estranei che non hanno nulla in comune se non un passato travagliato e l’aria degli eterni sconfitti. Sarà però “Il Professore”, misteriosa e geniale guida del gruppo, che riuscirà a motivarli per fargli superare i propri limiti e, in certi casi, trasformarli del tutto.

casaCuriosi? Noi non vogliamo spingerci oltre per non rovinare la serie, fateci sapere cosa ne pensate e se ha conquistato anche voi!

©Riproduzione Riservata