Il Milan si rivoluziona ancora e sceglie Puma. Per la prima volta il gruppo tedesco rappresenterà il club più titolato d’Europa.

Il cambiamento era nell’aria da diversi mesi. La multinazionale tedesca ha deciso di puntare su altre squadre e così, la sua rivale di sempre, Puma, ha deciso d’investire sulla rinascita rossonera. Il cambio definitivo avverrà durante la prossima stagione e molte sono le teorie che da giorni già circolano riguardo alla nuova maglia.

Come Marco Fassone, Chief Executive Officer di AC Milan, sostiene:<<Sono molto lieto di annunciare la nostra partnership con PUMA, a cui siamo legati dalla reciproca stima e dalla comune passione per i valori sportivi e calcistici. Rappresenta un grande marchio internazionale e proseguiremo insieme nelle prossime stagioni sul nostro percorso strategico che mira a raggiungere nuovi e straordinari traguardi fuori e dentro il campo>>.

La curiosità dei tifosi non si concentra infatti sui dettagli economici della vicenda, quanto più sullo stile che verrà sfoggiato a San Siro. Le ipotesi sono infinite e vanno da un ritorno al classico a una rivoluzione totale del brand. Bè, PUMA è riconosciuta nel mondo del calcio come un game changing brand e automaticamente le sue innovazioni nell’abbigliamento performance sono più che lecite.

Noi sosteniamo ironicamente che il tutto si avvicini più allo stile del Mister Rino Gattuso e si colleghi alla tradizione del club e a Milano.

puma

 

E in tutta onestà, questi concept li abbiamo presi dal noto sito Footy Headlines, il designer porta il nome di EZ Design e questi sono i suoi lavori. Ci piacevano e volevamo mostrarveli.

La prima maglia è un richiamo alla celeberrima frase di Herbert Kipling, fondatore del Milan:<<Saremo una squadra di diavoli. I nostri colori saranno il rosso come il fuoco e il nero come la paura che incuteremo agli avversari!>>. I richiami sono evidenti. Il diavolo sulle spalle a mo’ di tatuaggio e una cattiveria che inizia a farsi strada.

La seconda, di riserva potrebbe essere un’omaggio di Puma alla città di Milano. Lo sfondo è infatti quella della Milano del 500 con la piantina del Castello Sforzesco nel mezzo del petto. Un richiamo alla forza e alla tenacia per la squadra dei leoni insomma.

 

Infine la terza, dovrebbe essere una rivisitazione del logo di Milano ma in stile Milan. Una croce rossa lunga l’intera maglia.

Noi siamo davvero curiosi  e voi siete pronti all’ennesima rivoluzione?