I montepremi continuano a salire nel mondo degli eSports. Vi raccontiamo cosa sta succedendo.

Capcom: “Negli eSports puntiamo su Street Fighter”

Una decisione che probabilmente segnerà i tornei eSports a lungo. Capcom infatti ha deciso di puntare tutto sul suo picchiaduro che verrà reso il suo principale gioiello in campo competitivo. L’accelerata su Street Fighter si deve sicuramente all’insuccesso del suo ultimo Marvel vs Capcom. Quest’ultimo infatti si è rivelato uno dei flop per la compagnia nipponica che ha deciso di è stato addirittura depennato dal circuito competitivo del Capcom Pro Tour e non è stato menzionato in nessun altro piano della compagnia per ciò che attiene l’eSport. Un segnale deciso dell’azienda che ha definitivamente deciso su cosa puntare. Da registrare anche il grandissimo successo di Monster Hunter che ha contribuito quasi da solo a portare in positivo l’azienda e che, sicuramente, avrà un ruolo molto più che decisivo per gli eSport Capcom.

Fortnite e i 100 milioni di montepremi

La notizia è fresca fresca e farà sbarrare gli occhi a tutti gli amanti del noto Battle Royal. Dopo aver implementato uno dei mash-up più efficaci di sempre, la Epic Games è pronta a far sentire il suo peso anche nel’universo eSport mettendo come montepremi per il suo torneo ben 100 milioni di dollari. Una notizia che potrebbe sconvolgere l’intero mondo videoludico considerando che la cifra è equivalente a più di tutti i montepremi dei principali tornei del 2017 sommati. Non è ancora dato sapere come verrà suddiviso il montepremi ma Epic Games ha assicurato che il tutto sarà molto particolare. Staremo a vedere, di sicuro la manovra di Fortnite spingerà ancor di più i giocatori verso il suo brand segnando, forse, la disfatta definitiva di PUBG.

eSportAncora nerf su Hearthstone

In soli 5 mesi abbiamo visto il nostro gioco di carte preferito rivoluzionarsi completamente in seguito ai nerf e sembra che non sarà l’ultima volta. La Blizzard ha infatti già annunciato nerf a ben 6 carte che andarnno così a modificare pesantemente il meta, sia della modalità classificata sia di quella wild. Scopriamoli brevemente insieme:

  • Strega del mare Naga passa da costo 5 a costo 8
  • Patto Tenebroso passa da refullare 8 a 4
  • Chiamata alle Armi da costo 4 a costo 5
  • Evocatrice Astiosa da costo 6 a costo 7
  • Lacchè Posseduto da costo 5 a costo 6
  • La reward per la quest del Rogue non imposterà più le stats dei minion a 5/5 ma a 4/4
eSport
I Nerf. Fonte: Battlecraft

I nerf in questione, escluso il primo, non dovrebbero però avere conseguenze incredibili sul meta. Numerosi pareri di esperti fanno notare infatti di come la Blizzard abbia applicato semplicemente un abbassamento del power level per rendere più mazzi giocabili. Ovviamente è ancora presto per dirlo ma effettivamente sono sembrati nerf meno duri e pesanti di quelli visti gli scorsi anni in cui determinate carte venivano rese da OP a letteralmente ingiocabili. Al discorso va però esclusa la Naga. Un cambio così radicale dovrebbe infatti andare a far morire la carta. Il cambio però non dovrebbe impensierire troppo la maggior parte dei giocatori. Da marzo è infatti presente solo in wild, con questo cambiamento dovrebbe sparire definitivamente. Peccato perchè sarebbe stato interessante vederla per più tempo in game, considerato anche che nella standard ha fatto solo una brevissima apparizione. C’è da dire, però, che tutti i nerf a nostro parere sono sacrosanti, incluso questo.

©Riproduzione Riservata