Abbiamo provato la versione per PS4 e le novità di MXGP3

Il Motocross non è sicuramente uno degli sport più famosi in Italia, anche se al momento il campione in carica mondiale è proprio un italiano – il nostro Toni Cairoli che corre con il Team Red Bull Ktm. Nonostante ciò, interessante conoscere il nuovo titolo della serie MXGP, edito come ogni anno dalla Milestone. Tante le novità, per essere pronti a sfrecciare sempre più veloci.

Modalità di gioco

L’applicazione del motore Unreal ha fatto fare passi avanti a questo titolo rispetto ai precedenti: si pensi solo che dopo un giro in moto sulla pista, viene modificato completamente il tracciato nella sua fisionomia; allo stesso modo, i movimenti e la fisica hanno avutomigliorie non da poco. In termine di contenuti il gioco offre una vasta scelta: gara singola, time attack, campionato, carriera, compund, e altro ancora.

MXGP3

La carriera ci permette di creare un nostro pilota, di personalizzarlo da casco a stivali e di incominciare, tramite il supporto di un manager, a competere nel campionato inferiore Mxgp2. Grazie a sponsor e vittorie potremo facilmente arricchirci per ingrandire il garage con nuove moto ed elaborazioni e diventare così sempre più competitivi, fino a raggiungere la categoria top (cioè l’Mxgp3) e correre contro i migliori piloti del pianeta. Il campionato, come variante, ci propone l’utilizzo delle moto ufficiali fin dall’ inizio per partire alla grande, senza tante fatiche.

Un’immersione quasi totale

Analizzando l’esperienza fatta con questa gioco, possiamo dire di essere soddisfatti. Il titolo, come detto, è migliorato grazie al nuovo motore grafico: come di certo gli appassionati sanno, Unreal è sempre una garanzia. Il fango e la pista danno una sensazione di realismo che non si era mai visto prima; inoltre, dal momento in cui si scende in pista, con pad alla mano, la sensazione è molto piacevole e da veramente l’idea della fatica che questi campioni fanno nella realtà: sembra veramente di provare un bolide da cross.

MXGP3

Molto divertente è la guida in prima persona: gli effetti e le reazioni offrono un mix che porta ad un coinvolgimento totale, mai provato in precedenza. Forse la sonorizzazione non porta quel tocco in più che tutti gli appassionati avrebbero gradito, ma parliamo di particolari.

Senza dubbio Mxgp3 è un ottimo lavoro!

di Thomas Carollo