C’è tutto! I campanellini, gli archi, i violini, le sonorità swing e perfino l’urletto Oooh prima del ritornello di Jingle Bells. Questo Natale la voce del fighetto Michael Bublè viene sostituita da quella della gnocca Gwen Stefani.

È il quarto album in studio per la cantante californiana. Certo, nulla di nuovo. Un album natalizio è quasi un passaggio obbligato per molti cantanti o interpreti. Ci sono passati Elvis, Mary J. Bligen, Mariah Carey e Laura Pausini, Bocelli, Irene Grandi in Italia. Quest’anno è compito di Gwen tenerci compagnia durante cenoni, pranzi infiniti e visite dai parenti.

Il disco si intitola “You make me feel like Christmas”. Proprio come la traccia apripista scritta, cantata e interpretata insieme al collega/compagno Blake Shelton.

Il singolo è stato presentato durante lo show The Voice, dove Shelton è uno dei giudici accanto a Cristina Aguilera, Adam Levine e Cee Lo Green. Gwen Stefani si è presentata con uno spacco mozzafiato e con voce e fisico da paura, proprio come vent’anni fa.

https://www.youtube.com/watch?v=DkXD5949qqQ

L’album presenta grandi classici come Jingle Bells, White Christmas, Let It Snow e Silent Night, ma anche inediti scritti proprio dalla cantante come My Gift Is You, la sopracitata You Make Me Feel Like Christmas e una dedica, proprio a Blake Shelton, Never Kissed Anyone whit Blue Eyes Like You.

Dal giorno dell’Immacolata è in rotazione radiofonica Santa Baby, recente brano natalizio americano, già ripreso da Ariana Grande, Shakira e dal natalissimo Bublè, e reinterpretato in una super ballata swing.

Non stupitevi se tra qualche anno la troveremo come colonna sonora di qualche film, ovviamente di Natale, con i protagonisti che scambiano coccole e amore pattinando sulla pista di ghiaccio sotto l’Empire State Building.

Dunque, per la tuttofare Gwen, ormai sulla soglia dei cinquanta anni, si segna un nuovo capitolo. Complimenti! Metteremo il nostro maglione con Babbo Natale e faremo pupazzi di neve con la tua voce in sottofondo.