Una Linea sneakers che festeggia i suoi 50 anni quella delle scarpe Adidas Superstar. Nata per rivoluzionare la prestazione del gioco del basket, resta ancora oggi dalla resa impeccabile.


50 anni fa dalla sua nascita, nel 2020 Adidas Superstar compie gli anni.
Nata per le prestazioni sui campi da basket, diventa una vera e propria cultura dello sneakers.

Adidas nasce in Germania nel 1949, anno della sua fondazione, diventa poco tempo leader del settore abbigliamento fra vestiti, scarpe da ginnastica e sportive. Dalla sede centrale di Baviera poi, diventa una grande multinazionale che ancora oggi vanta prodotti di ottima qualità e apprezzati dai giovani di ogni fascia d’età.
Sneakers Adidas Superstar

Dunque, col tempo le inconfondibili nervature diventano icona di stile diffusosi in tutto il mondo.
Dalla loro nascita ad oggi, le Adidas Superstar migliorano le prestazioni di grandi sportivi per la loro struttura leggera e la punta gommata che ne facilita le prestazioni.
 

Com’è nata?

 
Creata inizialmente per lo sport, diventa poi espressione di moda non solo per i cestisti, ma anche per diverse tipologie di atleti e ballerini hip hop.
Infatti, uno dei designer delle Adidas Superstar, Chris Severn, racconta :“Oltre a essere belle, le Superstar aiutavano gli atleti a dare il massimo” .
In beve tempo, non resta dunque confinato per le mere attività sportive, ma diventa una vera e propria moda diffusa tra ragazzi.
 
Una rivoluzione per lo sport e di uno stile must have, è grazie allo studio de designer tedeschi e francesi che si sono raggiuntie mantenuti i risultati di questi ultimi 50 anni e di cui Adidas Superstar può vantarsi.
 
Non hanno mai smesso di trasmettere energia e vivacità, trovandosi idonee per qualunque attività, anche per quelli più estremi come lo skateboarding.
 

Dopo gli studi prodotti che hanno rivoluzionato il footwear, il risultato ottenuto ha consentito di far emergere Adidas Superstar per oltre mezzo secolo e la casa produttrice è pronta a festeggiare questo suo stile unico e inimitabile.

O. L.