Il 2020 sarà l’anno di nascita per il Campionato Italiano FMI Aprilia Sport Production. Un campionato nazionale che riprende il filo di una storia unica, in cui le moto di Noale hanno accompagnato in pista e avviato al motociclismo sportivo intere generazioni di giovanissimi.

Ben 54 i titoli mondiali, che hanno reso Aprilia una vera scuola dei campioni. Con lei, molti dei più grandi talenti del motociclismo moderno hanno cominciato e iniziato a vincere gare e titoli mondiali: Max Biaggi, Loris Capirossi, Valentino Rossi, Casey Stoner, Marco Melandri, Jorge Lorenzo, Marco Simoncelli, Manuel Poggiali e ancora Roberto Locatelli, Tetsuya Harada, Alessandro Gramigni, Kazuto Sakata. Biaggi, Capirossi e Rossi, insieme ad altri, hanno iniziato proprio con il modello Sport Production, una moto pensata proprio per iniziare alle gare in alta velocità i giovanissimi appassionati.

Aprilia Racing e Federazione Motociclistica Italiana danno così vita ad un nuovo Campionato Italiano FMI Aprilia Sport Production. L’obiettivo è dare la possibilità ai nuovi talenti (dagli undici anni in poi) di incrementare la crescita del motociclismo sportivo tricolore. La Federazione Motociclistica Italiana segue con passione una filiera dedicata ai giovani che parte dalle Minimoto per arrivare al Campionato Nazionale di Velocità. La scuola italiana sta infatti ritornando ai vertici, con numerose giovani promesse tricolori nelle tre classi del Motomondiale. Il Campione Italiano FMI Aprilia Sport Production, inoltre, entrerà a far parte di un progetto curato da Aprilia Racing di crescita e di valorizzazione sportiva.

La prima edizione del nuovo Campionato, inserita nel programma del Campionato Italiano Velocità CIV Junior 2020, si svolgerà su un calendario di sei gare.

In gara scenderanno tantissimi giovani piloti, in sella alla Aprilia RS 250 SP, una moto espressamente progettata e sviluppata da Aprilia Racing in collaborazione con Ohvale per rendere facile e graduale la crescita dei giovani talenti.

Giovanni Copioli, Presidente FMI, commenta così: “Dopo l’ottimo lavoro fatto insieme al Gruppo Piaggio con il Trofeo Moto Guzzi Fast Endurance, con grande soddisfazione annunciamo per il prossimo anno la nascita del Campionato Italiano FMI Aprilia Sport Production, realizzato in collaborazione con Aprilia Racing. Insieme alla casa di Noale, da sempre impegnata nel far esordire e coltivare i migliori talenti italiani, lanceremo questo nuovo Campionato all’interno del CIV Junior. Da anni cerchiamo di migliorare il percorso di crescita per i giovani talenti e questa sarà sicuramente un’ulteriore palestra per futuri campioni”.

Massimo Rivola, AD Aprilia Racing: “Il nuovo Campionato riprende una tradizione che rende unica Aprilia, un marchio che ha portato alle gare in pista generazioni di ragazzi e fatto crescere grandi campioni. Dal 2020, grazie alla partnership con la Federazione, torniamo a far divertire tanti ragazzi che in questo Campionato troveranno la realizzazione di un sogno e forse, è un augurio, l’inizio di un cammino nel mondo del motociclismo sportivo. Per questo abbiamo pensato a una moto facile e a una formula che avvicini il maggior numero di ragazzi motociclismo sportivo”.

La Aprilia RS 250 SP sfrutta il know-how e la tecnologia del Reparto Corse di Noale, ed è dotata della migliore componentistica racing (Brembo, Öhlins, SC Project). La ricerca costante del migliore rapporto peso/potenza, fa sì che pesi circa 35 Kg in meno del modello RS 125 stradale. I cerchi montati sono Marchesini da 17” gommati Pirelli. L’altissimo livello tecnico e componentistico raggiunto è parte integrante del regolamento per condurre le moto alla massima prestazione. I piloti possono così esprimere al meglio il loro talento durante le gare.

Prodotta dal partner tecnico Ohvale – azienda veneta leader nel mercato delle moto di piccole dimensioni – la Aprilia RS 250 SP ha sviluppato un pricing incredibilmente competitivo, sotto i 10mila euro. Questo perché uno degli obiettivi più importanti del Campionato FMI Aprilia Sport Production è rendere la pratica del motociclismo accessibile a un pubblico di appassionati che sia sempre in espansione.

 

Alessandra Zevola, Ida Papandrea