Siamo cresciuti vedendola nei panni della streghetta saccente dai capelli scompigliati, ma Emma Watson di strada ne ha fatta e da quel primo ruolo la 28enne inglese ha continuato a recitare in pellicole sempre più complesse e che andavano a toccare temi caldi come l’adolescenza difficile, il ruolo delle donne e la tossicodipendenza.

È indimenticabile la sua interpretazione nel ruolo di Sam in Noi siamo infinito (2012) e poi in quello dell’adolescente ribelle Nicki Moore in The bling ring (2013), fino al ritorno del genere fantasy, che avviene nel 2017 con l’acclamato La Bella e la Bestia, in cui Emma veste naturalmente i panni di Belle. Ora l’attrice è pronta a tornare sul grande schermo con un altro grande classico della letteratura per ragazzi: Piccole donne di Louisa May Alcott, per la regia di Greta Gerwig, regista premio Oscar di Lady Bird.

Emma Watson filming “Little Women”

Le riprese sono iniziate nel mese di ottobre a Boston e secondo le indiscrezioni, il film uscirà a dicembre 2019 negli Stati Uniti. Per vederlo in Italia dovremo quindi aspettare un po’ di più! E speriamo che l’attesa sia ben ripagata. Il cast farebbe ben sperare. A fianco di Emma Watson, che ha sostituito Emma Stone nel ruolo di Meg March, anche Saoirse Ronan (Jo), Florence Pugh (Amy), Eliza Scanlen (Beth) e una brillante Meryl Streep nel ruolo della zia March.

L’assegnazione dei ruoli lascia qualche perplessità. Il ruolo della combattiva Jo, infatti, sarebbe stato forse più adatto a Emma Watson e non alla delicata e inespressiva Saoirse Ronan, più tagliata a quel punto per interpretare la dolce Meg. E che la beniamina di Greta Gerwig, protagonista già di Lady Bird, debba il suo ruolo proprio all’amicizia che la lega alla regista? Lo sapremo solo una volta uscita la pellicola.

Emma Watson, Florence Pugh, Saoirse Ronan and Eliza Scanlen are seen filming scenes for “Little Women.” Pictures Containing Children

Intanto, il tutto sembrerebbe dare più spazio alla figura di Zia March e al viaggio in Europa in cui la stessa porterà solo una delle quattro sorelle.

L’infanzia delle quattro ragazze, invece, eseguirà differenti e continui salti nel tempo seguendo lo sviluppo della loro identità, obiettivo primo dello stesso film, che mira, per l’appunto, a indagare in quel momento particolare nella vita di ogni adolescente in cui si smettono i panni di bambini per indossare quelli di adulti, nel tentativo di trovare il proprio posto nel mondo.