Esce oggi giovedì 18 giugno 2020Red Snake“, il film ispirato alla storia vera della Yazida Nadia Murad, Premio Nobel per la Pace 2018. La pellicola è disponibile da oggi sulle principali piattaforme video on demand e sarà in streaming per quattro settimane. Tra le protagoniste troviamo Dilan Gwyn, Amira Casar, Camélia Jordana e anche Maya Sansa.

Con il titolo originale “Sœurs d’armes” (sorelle d’armi, intese come commilitoni), il film racconta di un gruppo di militanti curde che respinsero con forza e coraggio l’ascesa dell’ISIS. Diretto dalla regista e giornalista francese Caroline Fourest, l’opera è uno specchio drammatico dell’atrocità della guerra visto dal punto di vista femminile, ispirandosi alla dolorosa storia di Nadia Murad, ventisettenne yazida Premio Nobel per la Pace nel 2018.

Red Snake“, prodotto da Eagle Pictures, fa il suo debutto oggi 18 giugno in prima assoluta sulle principali piattaforme video on demand: SKY Primafila, APPLE TV, TIMVISION, CHILI, GOOGLE PLAY, YOU TUBE, RAKUTEN, HUAWEI VIDEO e INFINITY.

Donne e combattenti: così la pellicola della Fourest, tra le redattrici della rivista satirica francese Charlie Hebdo durante gli anni della vicenda riguardante le caricature di Maometto, vuole raccontare quello che è oggi il Medio Oriente, narrando quello che accade tra le minoranze religiose (come quella Yazida) che lottano tra la vita e la morte a due passi dal confine con la Siria.

La loro è una ricerca per la libertà calpestata da sempre, così come i loro diritti e la loro vita violata. “Red Snake” vuole difendere questi valori e documentare come le guerre non riguardano solo gli uomini, ma anche chi dentro di sé porta un istintivo desiderio di giustizia.

La giornalista è nota in patria per essere una guerriera: femminista, lotta da sempre contro gli integralismi religiosi e gli antisemitismi, oltre che a favore dei diritti degli omosessuali. Dopo 21 documentari, giunge al suo primo lungometraggio, una co-produzione tra Francia, Belgio e Italia.

Il film si ispira a fatti che accadono realmente tutti i giorni: donne provenienti da ogni parte d’Europa che partono volontariamente per la Siria per combattere con le milizie curde contro Daesh, in molti casi sacrificandosi al posto dei compagni uomini per difendere i diritti dei popoli oppressi, come lo Stato democratico del Rojava.

Tra le protagoniste del film c’è anche Maya Sansa, che interpreta Mother Sun, una donna soldato di origine italiane che grazie alla sua sensibilità custodisce alcuni dei tristi ricordi delle altre soldatesse del gruppo.

La trama di “Red Snake”

Zara (Dilan Gwyn) è una giovane Yazidi di 27 anni: vive in un villaggio che è stato depredato, suo padre è stato ucciso e a lei non è rimasto ormai più nulla. Viene rapita e venduta come schiava sessuale ad un guerrigliero jihādista che fa parte dell’ISIS, ma riesce miracolosamente a fuggire, spinta anche dalla volontà di liberare suo fratello, anch’esso tenuto prigioniero per addestrarlo a diventare un bambino-soldato.

Una volta scappata, s’imbatte in un gruppo di guerriere provenienti da tutta Europa, la Brigata Snake, temuta e determinata a combattere l’ISIS, che lotta al fianco delle resistenza curda. Ed è con loro che si trasforma in una vera e propria impavida guerriera, imparando ad usare le armi e pronta a sconfiggere Daesh per sempre.

Il gruppo di donne, nel quale Zara trova sostegno e comprensione, è formato da combattenti di origini e religioni diverse: c’è la giovane franco-algerina Kenza (Camélia Jordana), che ha perso la sorella a causa dei jihadisti; l’israeliana Yael (Esther Garrel); l’italiana Mother Sun (Maya Sansa), che in gioventù è stata vittima di uno stupro; Snipe (Nanna Blondell), una soldatessa che ha combattuto in passato in Iraq, e la curda della diaspora Lady Kurda (Noush Skaugen), con la passione per i selfie.

Guerriere e donne, con passati e ferite diverse da sanare, che affronteranno numerosi agguati e una guerra eroica contro il fanatismo religioso. Esse scopriranno l’enorme potere che possono avere sui militanti jihādisti, divenendo un incubo per i loro oppressori, in quanto convinti che la morte per mano di una donna li privi del Paradiso.

Il cast di “Red Snake”

Le protagoniste del film sono Dilan Gwyn (“Beyond“), Amira Casar (“Chiamami col tuo nome“), Camélia Jordana (“Quasi Nemici – L’importante è avere ragione“), Maya Sansa (“La Balia“, “Buongiorno, Notte“, “La Meglio Gioventù“), Esther Garrel (“Chiamami col tuo nome“).

Insieme a loro, ci sono Nanna Blondell (“The Inner Circle“), Noush Skaugen (“Dead Pixels“), Pascal Greggory (“Glacé“, “La Vie En Rose“), Mark Ryder (“I Borgia“, “L’ombra della vendetta“) e Korkmaz Arslan (“My Sweet Pepper Land“).

“Red Snake è disponibile a partire da oggi giovedì 18 giugno e per quattro settimane sulle principali piattaforme video on demand: SKY Primafila, APPLE TV, TIM VISION, CHILI, GOOGLE PLAY, YOU TUBE, RAKUTEN, HUAWEI VIDEO e INFINITY.

Social Media

Instagram @eagle.pictures

Facebook @EaglePictures