Netflix ha annunciato la produzione della miniserie “The Witcher: Blood Origin”, prequel che si colloca 1200 anni prima dei fatti accaduti in “The Witcher”

Dopo il successo della serie “The Witcher“, già confermata per una seconda e una terza stagione (e un film anime), Netflix ha annunciato la produzione di una nuova miniserie in 6 episodi: “The Witcher: Blood Origin” sarà infatti un prequel che si collocherà temporalmente 1200 anni prima nel mondo elfico di Geralt di Rivia, il personaggio interpretato da Henry Cavill.

La serie tv fantasy tratta dai romanzi di Andrzej Sapkowski ha avuto un successo mondiale ed è stata al vertice delle classifiche degli show più visti di Netflix. Il nuovo spin-off è un prequel che racconterà la storia all’origine di tutto, all’alba dei tempi quando ogni cosa iniziò: narrerà l’origine del primissimo “witcher”, gli eventi che portarono alla fondamentale «congiunzione delle sfere», quando i mondi di mostri, uomini ed elfi si sono uniti per diventare uno solo. Declar de Barra, già autore di “The Originals” (spin-off di “The Vampires Diaries” per The CW) e di “Iron Fist” (Marvel-Netflix), sarà lo showrunner di “The Witcher: Blood Origin“.

«Come fan del genere fantasy, non vedo davvero l’ora di raccontare la storia di “The Witcher: Blood Origin“. Quando ho letto i libri di The Witcher, una domanda mi è sorta spontanea: com’era veramente il mondo elfico prima dell’arrivo cataclismico degli umani? – ha dichiarato Declar de Barra, produttore esecutivo sul progetto del prequel. – Sono sempre stato affascinato dall’ascesa e dalla caduta delle civiltà, dal modo in cui scienza, nuove scoperte e cultura siano fiorite proprio prima di quella caduta . Come vaste aree di conoscenza si perdono per sempre in così poco tempo, spesso aggravate dalla colonizzazione e da una riscrittura della storia, lasciando indietro solo frammenti della vera storia di una civiltà. “The Witcher: Blood Origin” racconterà la storia della civiltà elfica prima della sua caduta e, soprattutto, rivelerà la storia dimenticata del primissimo “witcher”».

De Barra non lavorerà solo, ma sarà produttore esecutivo insieme a Lauren Schmidt Hissrich, mentre il consulente creativo della serie sarà lo scrittore della saga letteraria Andrzej Sapkowski, che è ovviamente entusiasta del successo della trasposizione televisive e del nuovo progetto: «È eccitante che il mondo di Witcher – come previsto all’inizio – si stia espandendo. Spero che porterà più fan nel mondo dei miei libri».

Lauren Schmidt Hissrich ha aggiunto: «Sono così felice di collaborare con Declan e il team Netflix per “The Witcher: Blood Origin“. Esplorare ed espandere ulteriormente l’universo di The Witcher creato da Andrzej Sapkowski è una sfida entusiasmante. Non vediamo l’ora di presentare ai fan nuovi personaggi e una storia originale che arricchirà ancora di più il nostro magico mondo».

Tra i produttori esecutivi anche Jason Brown, Sean Daniel, Tomek Baginski e Jarek Sawko di Platige FIlms.

The Witcher 2 e Blood Origin: le riprese

Ripresa anche la produzione della seconda stagioneThe Witcher“: le riprese, infatti, erano appena iniziate quando l’epidemia di Coronavirus è iniziata in tutto il mondo. Ora dovrebbero ricominciare, in modo che i nuovi episodi della stagione 2 possano essere distributi in streaming su Netflix a metà del 2021.

Le riprese e il set di “Blood Origin” saranno ambientate in Gran Bretagna.

Social Media

Instagram @witchernetflix

Facebook @netflixitalia