Dopo la presentazione del trailer in anteprima a Lucca Comics & Games, cresce l’attesa per la serie tv TheWitcher, che arriverà su Netflix il 20 dicembre.

Sono tante le serie tv che, in questo affollato inverno (pieno di titoli da binge watching), stiamo attendendo con ansia. Un esempio è The Witcher, ispirato alla Saga di Geralt di Rivia dell’autore fantasy Andrzej Sapkowski, che sarà disponibile su Netflix (in tutti i paesi in cui il noto servizio streaming è attivo) dal 20 dicembre.

Una data che in molti si sono segnati sulla propria agenda virtuale, soprattutto dopo che il 31 ottobre scorso durante l’edizione 2019 di Lucca Comics & Games, è stato presentato in anteprima mondiale il trailer ufficiale che, in poco più di due minuti, riesce a rendere una chiara idea di tutta la potenza e del fascino della serie.

Il trailer è stato presentato dallo showrunner Lauren Schmidt Hissrich all’interno di un panel, a cui hanno partecipato anche le due attrici protagoniste Anya Chalotra (che interpreta la maga Yennefer) e Freya Allan (che vedremo nel ruolo di Ciri, la principessa di Cintra).

Purtroppo a Lucca non si è palesato il protagonista maschile Henry Cavill, che per vestire i panni del mutante nonché cacciatore di mostri Geralt di Rivia, si è fatto crescere (non si sa se realmente o virtualmente) anche una lunga chioma argentata. Per la preparazione atletica pensiamo che l’attore non abbia avuto molte difficoltà, essendo lui abituato da diversi anni ad indossare la tuta di Superman (personaggio DC che l’ha reamente lanciato e a cui pare abbia deciso di dire addio, anche se mai dire mai).

The Witcher è ambientato in un mondo abitato da esseri umani, elfi, nani e altre specie magiche. Mantenere l’equilibrio non è facile, dato che le razze civilizzate si trovano a convivere con dei mostri che li minacciano. Proprio per questo sono stati creati i Witcher, ovvero dei guerrieri mutanti in grado di ucciderli. Tra di loro c’è Geralt, un essere umano strappato alla sua famiglia in tenera età e sottoposto ad un durissimo addestramento, durante il quale gli sono somministrate erbe e pozioni che hanno mutato profondamente il suo organismo affinando i sensi, ottundendo le emozioni ritenute superflue e fortificando il corpo per rendenderlo più forte, veloce, agile e resistente.

Geralt, come ogni Witcher, si guadagna quindi da vivere uccidendo mostri su commissione, però lui si è rivelato più spietato degli altri, tanto che le stesse persone che lo assoldano lo temono. A sua volta Geralt non si fida degli esseri umani, che spesso nascondono decisioni spietate sotto la menzogna del bene comune o diffondono ignobili superstizioni per giustificare i loro misfatti, rivelandosi spesso creature peggiori dei mostri ai quali lui dà la caccia. Ad un certo punto il destino lo condurrà verso una potente maga e una giovane principessa con un pericoloso segreto: i tre impareranno a fare squadra per sopravvivere a un potente nemico comune, che rischia di rendere la loro terra ancora più instabile.

Nel cast troveremo anche Jodhi May (la Regina Calanthe), Björn Hlynur Haraldsson (il cavaliere Eist), Adam Levy (il druido Saccoditopo), MyAnna Buring (Tissaia), Mimi Ndiweni (Fringilla), Therica Wilson-Read (Sabrina) e Millie Brady (la Principessa Renfri).

Gli episodi saranno otto, diretti da vari registi: Alik Sakharov, Alex Garcia Lopez e Charlotte Brändström.

Laura Frigerio